Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Accertamento dell’esistenza in vita dei pensionati

Data:

19/01/2022


Accertamento dell’esistenza in vita dei pensionati

 

L'INPS ha comunicato le modalità di svolgimento e la tempistica relativa al processo di verifica dell'esistenza in vita con riferimento agli anni 2022 e 2023, che interesserà tutti i beneficiari di prestazioni pensionistiche che riscuotono all'estero.

Si consiglia di prendere visione, con particolare attenzione, a quanto indicato in proposito nell'allegato 1 (vd. qui sotto)(INPS.HERMES.24/12/2021.0004659).

Per quanto concerne la tempistica relativa alla seconda fase della campagna di accertamento dell'esistenza in vita, riferita agli anni 2022 e 2023, essa interesserà i pensionati residenti in Europa, Africa e Continente australe, ad esclusione dei Paesi Scandinavi e dei Paesi dell'Est Europa.

Si comunica che a partire dal 14 settembre 2022 Citibank curerà la spedizione delle richieste di attestazione dell'esistenza in vita nei confronti dei pensionati residenti nelle sopraindicate Aree geografiche, che dovranno essere restituite alla banca entro il 12 gennaio 2023.

Qualora il processo di verifica non sia portato a termine entro tale temine ordinario, il pagamento della rata di febbraio 2023 avverrà in contanti presso le Agenzie di Western Union e, in caso di mancata riscossione personale o di mancata produzione dell'attestazione di esistenza in vita entro il 19 febbraio 2023, il pagamento della pensione sarà sospeso dalla banca a partire dalla successiva rata di marzo 2023.

Si conferma che, a causa della ancor delicata situazione epidemiologica, i pensionati che lo desiderino potranno richiedere la verifica della propria esistenza in vita da parte dei consolati utilizzando un servizio di videochiamata, quale modalità aggiuntiva di verifica.

A tal fine, si potranno utilizzare gli applicativi ad oggi più diffusi,come per esempio Skype, Webex,oppure tramite l'applicazione WhatsApp, se sul modello è presente il solo recapito telefonico.

Per maggiori dettagli si rimanda al documento allegato


515