Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

RIPRISTINO DEI CONTROLLI ALLE FRONTIERE E DIFFICOLTA’ DI RIENTRO IN ITALIA

 

RIPRISTINO DEI CONTROLLI ALLE FRONTIERE E DIFFICOLTA’ DI RIENTRO IN ITALIA

Il Governo tedesco ha annunciato nella serata di domenica 15 marzo di aver disposto il ripristino di controlli alla frontiera con l'Austria, la Francia, la Svizzera, il Lussemburgo e la Danimarca a partire da lunedì 16 marzo alle ore 8.00. Il traffico delle merci sarà regolarmente consentito, così come il transito dei lavoratori transfrontalieri e di coloro che entrano in Germania per motivi di lavoro. Per le altre categorie di viaggiatori, sono disposti controlli all'ingresso in Germania (e le Autorità di polizia potranno negare l'ingresso a chi non avesse motivazioni valide per entrare). L'uscita dal Paese attraverso la rete stradale sembra al momento essere regolarmente consentito. Il traffico aereo e ferroviario da e verso l'estero è al momento consentito, ma i collegamenti sono stati drasticamente ridotti.

Indicazioni per i connazionali che desiderano rientrare in Italia dalla Germania

Al momento sono ancora operativi alcuni voli con le seguenti linee aeree: Alitalia (fino al 5 aprile) con un volo da Francoforte a Roma Fiumicino e 1 volo da Monaco di Baviera a Roma FCO. Lufthansa, incluse le compagnie dipendenti come Airdolomiti e Germanwings. Tuttavia non è possibile prevedere dopo la data suindicata fino a quando e in che misura i collegamenti aerei resteranno attivi. La Lufthansa ha annunciato una forte riduzione dei collegamenti a partire da martedì 17 marzo. I connazionali che desiderassero fare rientro in Italia sono invitati a organizzare il proprio viaggio il prima possibile. Coloro i quali intendono transitare in Germania per andare in Italia devono poter dimostrare di avere un volo (o altro mezzo) per l'Italia (ritorno presso proprio domicilio) altrimenti non potranno accedere al volo.

La societa’ altoatesina “Suedtirol Bus” organizza navette giornaliere in minibus dall’aeroporto di Monaco di Baviera a Bolzano. I biglietti si possono prenotare su:  https://www.suedtirolbus.de/

Si ricorda che i connazionali che vogliono far rientro in Italia devono compilare l’apposito nuovo modulo:

https://www.interno.gov.it/sites/default/files/allegati/modulo-autodichiarazione-17.3.2020.pdf

Il nuovo decreto del Ministro dei Trasporti obbliga all’autoisolamento, per i 14 giorni successivi al ritorno, tutte le persone che rientrano in Italia dall’estero, anche se asintomatiche rispetto al COVID-19. Il decreto riguarda tutte le persone che tornano in Italia con qualsiasi mezzo di trasporto e che dovranno presentare una dichiarazione nella quale attestino di rientrare presso il proprio domicilio, abitazione o residenza per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità, oppure per motivi di salute. È, inoltre, obbligatorio comunicare al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria locale il proprio domicilio, abitazione o residenza per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità, oppure per motivi di salute.

È prescritto, inoltre, che per chi va in autoisolamento e accusa sintomi COVID-19 sussiste l’obbligo di segnalare tale situazione con tempestività all’autorità sanitaria tramite i numeri telefonici dedicati. L’autoisolamento non è prescritto a chi transita o sosta in Italia per comprovate esigenze lavorative, ed è comunque obbligato a uscire dal Paese entro 72 ore dall’ingresso. Tuttavia, per queste persone, è obbligatorio compilare una dichiarazione con la quale si comunica di essere in Italia per la comprovata esigenza lavorativa, e ci si impegna a segnalare, in caso di insorgenza di sintomi COVID-19, tale situazione al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria locale e a sottoporsi ad isolamento.

L’obbligo di isolamento fiduciario di 14 giorni previsto per chi entra in Italia non si applica al personale sanitario, ai lavoratori transfrontalieri per comprovati motivi di lavoro e per il conseguente rientro nella propria residenza o abitazione.  A tal proposito a breve verrà pubblicata una Faq da parte della presidenza del Consiglio, in cui si chiarisce che l'autoisolamento di 14 giorni non si applica ai familiari di coloro che rientrano se i primi sono già presenti in Italia.

Le disposizioni del Decreto (DM Nr.120, del 17.03.2020) si possono leggere cliccando qui: http://www.mit.gov.it/comunicazione/news/coronavirus/coronavirus-de-micheli-firma-decreto-su-autoisolamento-chi-rientra

La Sardegna ha adottato un' ordinananza che limita traffico persone da e verso l'Isola. Chi vuole rientrare in Sardegna deve chiedere un'autorizzazione almeno 48 ore prima direttamente cliccando qui: https://moduloarrivicovid19.regione.sardegna.it/allegato-a-ordinanza-del-presidente-ras-14-03-2020/. Il traffico aereo passeggeri  è garantito da Alitalia fino al 25 marzo 2020 esclusivamente dall'aeroporto di Cagliari per improrogabili esigenze legate a motivi di lavoro, salute, necessitá o rientro al proprio domicilio. Per imbarcarsi bisogna avere l'autorizzazione di cui sopra.

La Sicilia ha adottato altresì limitazioni all'accesso all'Isola.

La ministra Paola De Micheli ha firmato, insieme al Ministro della salute, un nuovo decreto che prevede un’ulteriore stretta nei servizi di trasporto ferroviario e marittimo di persone da e verso la Sicilia, anche riducendo notevolmente le corse via mare da Messina per Villa San Giovanni e Reggio Calabria e tra Villa San Giovanni e Reggio Calabria e viceversa: i collegamenti sono assicurati, rispettivamente, mediante quattro corse giornaliere A/R, da effettuarsi nella fascia oraria dalle 06.00 alle 21.00.

Gli spostamenti sono consentiti esclusivamente agli appartenenti alle Forze dell'Ordine e alle Forze Armate, agli operatori sanitari pubblici e privati, ai lavoratori pendolari o per comprovate esigenze di lavoro, gravi motivi di salute e situazioni di necessità. Non potranno più imbarcarsi altri mezzi oltre alle automobili e ai motoveicoli. Continua ad essere assicurato e regolare, invece, il trasporto delle merci.

Per i voli diretti nella Regione Sicilia e nella Regione Sardegna deve essere comunque acquisita anche la preventiva autorizzazione del Presidente della Regione. Inoltre, ulteriori riduzioni sono state apportate al traffico ferroviario gestito da Trenitalia

Le nuove disposizioni del Decreto Nr. 122 del 18.03.2020 si possono leggere cliccando qui:

http://www.mit.gov.it/sites/default/files/media/notizia/2020-03/Decreto%20n.%20122.pdf

Regolare è invece il trasporto merci in tutto il territorio nazionale isole incluse.

Ad oggi, è possibile rientrare in Italia anche in treno, tramite:

la Svizzera: i collegamenti ferroviari con l’Italia sono stati ridotti, ma è ancora possibile raggiungere la frontiera di Chiasso (da cui è poi possibile proseguire con i sistemi di trasporto italiani, per quanto anch’essi ridotti). NB: Tali possibilità sono soggette a modifiche con brevissimo preavviso.

l’Austria: al momento, è ancora teoricamente possibile viaggiare in treno dalla Germania fino al Brennero. Tale tragitto è tuttavia assai complicato (prevede diversi cambi, con collegamenti estremamente ridotti: sono infatti soppressi i treni diretti fino ad Innsbruck) ed è pertanto sconsigliato. Chi volesse comunque rientrare in treno attraverso l’Austria troverà le informazioni sui collegamenti ferroviari disponibili sul sito o sulla app delle ferrovie tedesche (Deutsche Bahn). Per informazioni aggiornate, si consiglia di visitare il sito dell’Ambasciata d’Italia a Vienna o il portale Viaggiare Sicuri. NB: Tali possibilità sono soggette a modifiche con brevissimo preavviso.

Il transito in automobile è al momento consentito attraverso la Svizzera, anche se sono stati introdotti controlli alle frontiere. Per poter transitare il connazionale dovrà tuttavia dimostrare di avere un motivo valido per l'ingresso in Italia (come ad esempio il rientro al proprio domicilio o un motivo di necessità).

Il transito autostradale attraverso l’Austria è possibile solo garantendo di non effettuare fermate in territorio austriaco (è necessario controllare il livello del carburante prima di varcare il confine). >> ATTENZIONE: per il transito attraverso l'Austria è necessario avere con sè il formulario di autocertificazione (scaricabile QUI in inglese) sui motivi del transito già stampato e compilato.

Si segnala che alcune compagnie di noleggio di automobili al momento non permettono di affittare l’auto in Germania e di restituirla in Italia.


444