Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cittadinanza

 

Cittadinanza

 

 
Tel.: 0049 (0)69 7531 - 113 (12:00 - 13:00)
email: cittadinanza.francoforte@esteri.it

L'ufficio cittadinanza riceve il pubblico solo previo appuntamento on line.

La cittadinanza italiana si basa sul principio dello ius sanguinis (diritto di sangue), per il quale il figlio nato da padre italiano o da madre italiana è italiano; tuttavia è da tener presente che la madre cittadina trasmette la cittadinanza ai figli minori solo a partire dal 1.1.1948, per effetto della sentenza della Corte Costituzionale n. 30 del 9.02.1983.

Attualmente, la cittadinanza italiana è regolata dalla legge n. 91 del 5.12.1992 che, a differenza della legge precedente, rivaluta il peso della volontà individuale nell’acquisto e nella perdita della cittadinanza e riconosce il diritto alla titolarità contemporanea di più cittadinanze, fatte salve le diverse disposizioni previste da accordi internazionali.

Data la complessità della materia e della procedura che in alcuni casi coinvolge il Ministero dell’Interno (cittadinanza per matrimonio), è necessario per l’utenza fissare un appuntamento per un preventivo colloquio informativo sull’argomento.


L'Ufficio Cittadinanza svolge attività di ricezione delle domande di acquisto/riacquisto/rinuncia/elezione/riconoscimento della cittadinanza italiana, nonché ne attesta il possesso ove richiesto.

Acquisto della cittadinanza italiana (naturalizzazione) da parte di cittadino/a straniero/a coniuge di cittadino/a italiano/a: leggere  qui.
IMPORTANTE: La domanda di cittadinanza italiana per matrimonio (art. 5 - L. 91/1992), potrá essere presentata SOLO DOPO LA REGISTRAZIONE DEL MATRIMONIO IN ITALIA , da effettuare presso l'Ufficio di Stato Civile di questo Consolato Generale.

Riconoscimento della cittadinanza italiana (ricostruzione):
l’istanza di riconoscimento del possesso della cittadinanza italiana è soggetta, dal 08/07/2014 al pagamento preventivo di un contributo amministrativo di € 300,00 (da versare all’atto della presentazione dell’istanza), che verrà trattenuto indipendentemente dall'esito finale della procedura.

Riacquisto della cittadinanza italiana (art. 13, comma 1c della legge 91/1992): leggere qui. Modello di Atto Notorio.

Rinuncia alla cittadinanza italiana: per sapere quali documenti presentare, leggere qui. Modello di Atto Notorio.

NB: Tutti i formulari da compilare si trovano anche qui.

RICONOSCIMENTO DEL POSSESSO DELLA CITTADINANZA ITALIANA JURE SANGUINIS (DISCENDENZA DIRETTA DA AVO ITALIANO SENZA INTERRUZIONE DI POSSESSO)

Le condizioni richieste per tale riconoscimento sono, da un lato, la dimostrazione della discendenza dall'avo italiano emigrato e, dall'altro, la prova dell'assenza di interruzioni nella trasmissione della cittadinanza.

L'istanza, corredata dalla documentazione prevista, deve essere presentata dall’interessato all'Ufficio Cittadinanza previo appuntamento on-line.

Al momento della presentazione ai sensi del DL n. 66/2014 - al pagamento in contanti di diritti consolari pari a € 300,00 (da versare all’atto della presentazione dell’istanza), che verrà trattenuto indipendentemente dall'esito finale della procedura.


DOCUMENTI DA PRESENTARE

Documenti da presentare all’Ufficio cittadinanza il giorno dell’appuntamento:

1) estratto dell’atto di nascita dell’avo italiano emigrato all’estero rilasciato dal Comune italiano ove egli nacque;

2) atti di nascita, muniti di traduzione ufficiale italiana, di tutti i suoi discendenti in linea retta, compreso quello della persona rivendicante il possesso della cittadinanza italiana;

3) atto di matrimonio dell’avo italiano emigrato all’estero, munito di traduzione ufficiale italiana se formato all’estero;

4) atti di matrimonio dei suoi discendenti, in linea retta, compreso quello dei genitori della persona rivendicante il possesso della cittadinanza italiana;

5) certificato rilasciato dalle competenti Autorità dello Stato estero di emigrazione, munito di traduzione ufficiale in lingua italiana, attestante che l’avo italiano a suo tempo emigrato dall’Italia non acquistò la cittadinanza dello Stato estero di emigrazione anteriormente alla nascita dell’ascendente dell’interessato;

NB: Tutti i formulari da compilare si trovano anche qui.

AVVERTENZA IMPORTANTE:

I tempi di definizione delle istanze di riconoscimento della cittadinanza italiana per discendenza possono essere anche di alcuni anni e concludersi con esito negativo per incompletezza degli elementi probatori. I procedimenti devono infatti ricostruire vicende riguardanti antenati che, se rimasti cittadini italiani, non hanno seguito le corrette procedure per la trascrizione in Italia di atti di stato civile (nascita, matrimonio), formati all’estero, al momento del loro verificarsi. Si rende inoltre necessario, per l’Ufficio consolare, procedere a verifiche dirette e ad accertamenti presso le Rappresentanze italiane nei paesi di emissione della certificazione e presso i competenti Comuni in Italia.

La presentazione della domanda non implica in alcun modo un esito positivo e non obbliga l’Ufficio consolare al rilascio di alcuna certificazione, dichiarazione o attestazione prima della formale conclusione dell’istruttoria.




24