Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Lavorare in Germania

 

Lavorare in Germania

La Germania è, fra i Paesi dell'Unione Europea, quello che meglio si è ripreso dopo la crisi degli ultimi anni. In numerosi Bundesländer, fra cui l'Assia e la Renania Palatinato, la disoccupazione si situa su livelli inferiori al 5% e vi è una buona domanda di lavoro, qualificato e meno qualificato.

Trasferirsi in Germania per lavoro è una scelta importante. Occorre prepararsi al meglio. Vi invitiamo a consultare in primo luogo la guida "Primi Passi in Germania". Su questa pagina, predisposta a cura della nostra Ambasciata a Berlino, troverete inoltre numerose informazioni e link utili se state pensando di trasferirvi in Germania.

A meno che non abbiate un'offerta di lavoro specifica o un contratto con un'impresa multinazionale o un'istituzione finanziaria internazionale, si ricorda che trasferirsi in Germania senza avere almeno una conoscenza base della lingua tedesca può rivelarsi assai problematico. E' infatti molto difficile cercare e ottenere lavoro se non si parla la lingua.

E' importante anche tenere presenti le differenze nei sistemi di qualificazione professionale e la mancanza di automatismi nel riconoscimento delle qualifiche acquisite in Italia. Su questa pagina trovate alcune indicazioni principali.

Occorre fare inoltre molta attenzione a non incappare in offerte di lavoro fraudolente, evitando di passare per "intermediari" a pagamento o di sottoporsi alla pratica, ancora diffusa, del lavoro nero o sottopagato rispetto al salario minimo in Germania (fissato a 8,50 euro al giorno). Suggeriamo di accettare offerte lavorative solo in presenza di un regolare contratto.

NB: Una volta trasferitivi in Germania definitivamente, è obbligatorio iscriversi all'AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero). Si ricorda che l'iscrizione all'AIRE, oltre a permettere un accesso facilitato ai servizi del Consolato Generale, è un obbligo di legge anche per i funzionari internazionali presso organismi UE o multilaterali, o per i professionisti del mondo borsistico e bancario privato, laddove il periodo di permanenza previsto in Germania superi i 12 mesi continuativi. Informazioni sull'iscrizione all'AIRE si trovano qui.


Documenti utili in materia fiscale:

>> Convenzione italo-tedesca sulla doppia imposizione

 

 


360